giovedì 14 luglio 2011

14 luglio con Beatrice Alemagna e Un leone a Parigi!

Stufo della sua routine nella savana, un grosso leone, curioso e solitario, decide di mettersi in viaggio in cerca di un lavoro, un amore, un avvenire.
E arriva a Parigi.
Parte così il racconto che Beatrice Alemagna dedica al cosiddetto Leone di Belfort, la scultura di Frédéric Bartholdi (lo stesso della Statua della Libertà di New York), che dal 1880 domina la Piazza Denfert-Rochereau, ed è da sempre uno sei simboli dell’iconografia della capitale francese.
“Mi sono chiesta perché quel leone sia tanto amato dai parigini. Credo che sia perché sembra così felice, lassù dove si trova…”, spiega in fondo al libro l’autrice.
Una storia surreale, tutta affidata alla forza evocativa delle enormi immagini e ai collage, che mescolano la forza visionaria di una storia fantastica agli squarci sulla routine e sui luoghi di una Parigi sulle prime distratta e disinteressata al nuovo arrivato. 

Beatrice Alemagna, Un leone a Parigi, Donzelli 2009

Vincitore della prima edizione del Premio Nati per leggere.

Nessun commento: